Storie

Ferrara, città delle biciclette e "capitale" delle due ruote

  • Le Mura di Ferrara Foto Caspar Diederik

"Città delle biciclette" per antonomasia (alzi la mano chi non ha mai sentito tale appellativo accostato alla città estense!), Ferrara è indissolubilmente legata alla cultura delle due ruote, una città dove i ciclisti regnano padroni delle strade.

Centinaia di chilometri tra città e provincia pensati, creati, piegati al piacere della pedalata. Qui i turisti possono usufruire di biciclette gratuite presso gli alberghi oppure possono affittarle nei numerosi noleggi. Il modo migliore per visitare la città e i suoi dintorni è, infatti, indiscutibilmente il mezzo a due ruote, capace di donare al turista un senso di libertà impagabile.

L’intero territorio della provincia di Ferrara è segnato da una formidabile rete di percorsi cicloturistici che si snodano tra la città e le campagne, tra oasi protette e borghi di pianura, dove si avvicendano tradizioni, paesaggi e profumi diversi ma tutti uniti dalla presenza dell’acqua. La pedalata è agevolata da un paesaggio orizzontale, privo di altitudini, interrotto solo dalla verticalità di torri merlate, alberi o possenti argini.

Dalla grande pianura dell'Alto Ferrarese, passando per lo splendore rinascimentale dell’elegante Ferrara, in un lungo percorso verso Est che si srotola come una pellicola d’autore giù fino al mare o alle Valli di Comacchio, nella culla di una storia millenaria di convivenza tra l'uomo e la natura, tra la terra e l'acqua. Oppure a spasso nei Lidi di Comacchio che sono le sette perle del litorale ferrarese. Alcuni dei percorsi sono vere e proprie superstar nell'ambiente come la Destra Po, una tra le ciclabili più lunghe d'Europa, altri meno celebri e più nascosti, ma altrettanto capaci di emozionare con l'intensità che solo il silente procedere della bicicletta sui profili del territorio è capace di dare. I percorsi cicloturistici ferraresi, dunque, non sono semplici itinerari, ma veri e propri viaggi che permettono di comprendere la città e il territorio, il loro passato e il loro presente, nell’intento di narrarne le storie e le diverse anime.

Potrete, quindi, immergervi nelle bellezze della capitale degli Estensi, attraverso itinerari storico-artistici che vi porteranno lungo le verdi mura, il Castello Estense, la città medievale con la Cattedrale, e quella rinascimentale con il Palazzo dei Diamanti. Ma anche percorrere la straordinaria rete di percorsi cicloturistici in ambito provinciale, con 10 itinerari collegati l'uno all'altro o, per chi ha più…”gamba”, i lunghi percorsi che partono da province dell'Emilia Romagna e regioni limitrofe convergendo poi su Ferrara attraverso strade panoramiche: oltre 900 km tra piste ciclabili per raggiungere il territorio estense attraversando alcuni tra i luoghi più belli del Nord Italia: le Alpi e la Pianura Padana seguendo il corso dei fiumi e incontrando il Lago di Garda, città d'arte come Venezia, Padova, Ravenna, Bologna e Modena e infine, seguendo il procedere del fiume Po verso il Mare Adriatico, il Delta del Po, luogo di eccellenza naturalistica e ambientale. Itinerari predefiniti, studiati per raccogliere elementi apparentemente differenziati come architettura, arte, storia e pura ecologia. Sono segnalati, serviti da mappe e indicazioni tecniche e informative e hanno lunghezze variabili, ideali per poter improntare una gita di un giorno. Una miriade di possibilità, quindi, perché pedalare in provincia di Ferrara diventi un’esperienza memorabile.

Autore

Luca Bianchi
Luca Bianchi

Giornalista freelance, speaker radiofonico e social media addicted, adoro viaggiare e scoprire posti sempre nuovi, a caccia di arte, cultura e buon cibo. Tw: @lucabianchi84

Tags

Focus On