Luoghi

Arco d'Augusto

Rimini - Via 20 Settembre 1870

Arco d'Augusto

Ingresso

Ingresso gratuito

Orari:

Aperto tutto l'anno

Contatti

Telefono: +39 0541 53399
FAX: +39 0541 56598
www.riminiturismo.it

Costruito in pietra d'Istria, la fornice misura m. 8,84 con una profondità di m. 4,10 ed un altezza di m. 10,40. L'architettura è esaltata da un ricco apparato decorativo, carico di significati politici e propagandistici. L'apertura del fornice, talmente ampia da non poter essere chiusa da porte, ricordava la pace raggiunta dopo un lungo periodo di guerre civili.
Tra la ghiera dell'arco e i capitelli, di ordine corinzio, si possono ammirare (in quattro clipei) quattro divinità: Giove, padre di tutti gli dei, massima divinità dei romani; Nettuno, dio italico, di tutte le acque; Apollo, figlio di Giove, protettore della salute; Minerva, protettrice della città di Roma, delle arti e dei mestieri.
Su entrambe le facce dell'Arco sono collocate due teste di bue che attestano simbolicamente la qualità di colonia romana della città di Rimini.

In origine il monumento era una porta urbana legata sui due fianchi con le mura della città, mentre oggi si presenta isolato, in seguito all'intervento di demolizione dei corpi adiacenti eseguito a fine degli anni '30.
Secondo la tradizione, sulla sommità dell'Arco si dice ci fosse una quadriga marmorea guidata da Augusto.
Durante il Medioevo l'arco, che era conosciuto con il nome di porta Aurea, fu smantellato nella parte superiore. L'attuale merlatura fu costruita nel sec. X. Dopo l’ultimo restauro, l'arco d'Augusto è tornato al suo antico splendore.  

Fonte: redazione locale di Rimini

Foto: Archivio Apt  - Comune di Rimini
Tags

Focus On