Luoghi

Rocca Manfrediana di Brisighella

Brisighella - viale Pascoli

Rocca Manfrediana di Brisighella

Ingresso

Biglietto unico Rocca e Museo Ugonia

Orari:

Aperto tutto l'anno
Chiusure: Da Lunedì a venerdì; Aperture: Da aprile a ottobre: prefestivi e festivi: 10-12.30 e 15-19.30. ottobre - aprile: prefestivi 14-17.30. festivi: 10-12 e 14-17.30. Dicembre e gennaio chiusura anticipata alle 16.30;

Contatti

Telefono: +39 0546 81166
FAX: +39 0546 81166
INFOLINE: +39 0546 994415
www.brisighella.org

Il borgo di Brisighella è caratterizzato da tre pinnacoli rocciosi, su cui poggiano la rocca manfrediana (sec. XIV), il santuario del Monticino (secolo XVIII) e la torre detta dell'Orologio, ricostruita nell'Ottocento sulle rovine di un  insediamento difensivo risalente al XII secolo.

La magnifica Rocca di Brisighella svetta sul secondo dei tre pinnacoli rocciosi che dominano il borgo. Si tratta di una delle rocche meglio conservate della regione.

Eretta nel 1310 da Francesco Manfredi su una preesistente struttura, deve il suo aspetto attuale agli interventi voluti da Astorgio II Manfredi, a partire dal 1457, ai Veneziani che costruirono la torre maggiore (1503), dove erano situati gli ambienti principali del complesso. Oggi riportata a nuovo splendore per continui e qualificati restauri, costituisce un pregevole esempio dell'arte militare del Medioevo: i fori per le catene dei ponti levatoi sopra la porta d'ingresso, i beccatelli e le caditoie, i camminamenti sulle mura di cinta, le feritoie.

La Torre dell'Orologio domina il primo dei tre poggi che caratterizzano il paesaggio di Brisighella. La sua edificazione si fa risalire alla fondazione della località, verso la fine del XIII secolo, per volere di Maghinardo Pagani di Susinana, signore di Imola e Faenza, ricordato da Dante nel XXVI canto dell'Inferno e nel XIV del Paradiso per la spregiudicata azione politica e militare. Ricostruita nel 1548, in seguito a numerosi danneggiamenti, venne ridimensionata all'attuale aspetto, risalente al 1850. Alle falde sono tutt'ora visibili tracce di mura di antiche abitazioni. Attualmente è visitabile solo esternamente: la sommità di questo colle offre inoltre un punto panoramico per ammirare il paese, i gessi e i calanchi.

Fonte: redazione locale Ravenna

Tags

Focus On