Luoghi

Pinacoteca Civica

Forlì - Palazzo del Merenda - Corso della Repubblica, 72

Pinacoteca Civica

Ingresso

Ingresso gratuito

Orari:

Aperto tutto l'anno
Chiusure: lunedì, festività nazionali e 4 febbraio, Chiusura straordinaria per disinfestazione il 13 e 14 agosto 2011; Aperture: Dal martedì alla domenica 9-13. Il martedì anche ore 15-17.30. Domenica ore 9-13;

Contatti

Telefono: +39 0543 712606
INFOLINE: +39 0543 712659
www.cultura.comune.forli.fc.it

La Pinacoteca conserva una raccolta di opere d'arte e sculture allestite in diverse sale, tra le quali anche alcune opere del pittore forlivese dell'età rinascimentale Marco Palmezzano. Attualmente, gran parte delle opere che coprono un arco temporale dal XII al XVIII secolo sono trasferite nel Complesso museale di San Domenico.

La Pinacoteca civica di Forlì ha origine nel 1938, grazie a donativi di cittadini e ad opere d'arte rimaste al Comune dopo la soppressione napoleonica; altre pervennero in seguito alle leggi 'eversive' del 1866.

Notevolissimi incrementi si ebbero nel '900 con la quadreria Piancastelli (opere del '400 e '500 romagnolo fra cui G. Marchesi, B. Ramenghi, L. Longhi, Innocenzo da Imola, i Bertucci) e la quadreria Pedriali (significative presenze di R. Ruysch, J. Sablet, G. Fattori), la donazione Righini (olii e acqueforti di G. Morandi) e la collezione Verzocchi sul tema 'Il Lavoro', con opere dei pittori italiani più importanti del primo e secondo Novecento.

Nel salone d'ingresso sono collocati al centro l'Ebe di Antonio Canova e ai lati le grandi tele secentesche di F. Albani, A. Sacchi, G. Cagnacci, C. Serra, Guercino, B. Gennari, C. Maratta, C. Cignani, a cui fanno seguito sculture tardo-medievali e rinascimentali.

Fonte: redazione locale Forlì

Tags

Focus On