Luoghi

Museo Ebraico e Sinagoghe

Ferrara - Via Mazzini, 95

Museo Ebraico e Sinagoghe

Ingresso

Prezzo di ingresso: € 4.00
Ridotto 3 € (gruppi). 1,50 € scolaresche

Orari:

Aperto tutto l'anno
Chiusure: Venerdì, Sabato e festività ebraiche; Aperture: da domenica a giovedì ingresso solo con guida ore 10, 11, 12. Prenotazione obbligatoria;

Contatti

Telefono: +39 0532 210228
FAX: +39 0532 210228
www.comune.fe.it/museoebraico

Nel 1485 il ricco banchiere romano Ser Samuel Mele aveva acquistato una grande casa in Via Sabbioni (ora Via Mazzini), e l’aveva donata agli ebrei ferraresi perché ne facessero la sede delle loro istituzioni. Il Museo Ebraico costituisce parte integrante della visita all'edificio delle Sinagoghe.

Vi sono esposti oggetti tradizionali e di culto che illustrano diversi momenti della vita di ogni ebreo dalla nascita (pidyón, o riscatto, e completo da circoncisone) alla morte (frammenti di lapidi sepolcrali e tampone di legno per sepoltura). Particolarmente belli sono gli arredi settecenteschi provenienti dalla scomparsa sinagoga di Cento. Una elegante sedia di Elia, del XVIII secolo, laccata in verde, proviene invece da Lugo: su questa sedia si eseguiva la circoncisione. Molti oggetti di metallo, soprattutto argento, sono raccolti nelle vetrine lungo i muri della seconda sala: si tratta nella maggior parte di decorazioni dei rotoli della Torà. In una vetrina si trova una lampada a nove luci di fattura particolarmente elegante, tuttora usata nel tempio durante la festa di Channukkà (dei lumi). Nelle vetrine al centro gli oggetti sono invece divisi a seconda delle festività in cui vengono usati. Nella terza sala sono custodite le chiavi dei portoni del ghetto, una vera e propria rarità storica.

Molto ricca è poi la sezione dei documenti e delle opere a stampa, fra le quali si annoverano alcune opere di Isacco Lampronti (1679-1756), abile medico e celebre teologo, che viveva al numero 33 della vicina via Vignatagliata. 

Fonte: redazione locale Ferrara

Tags

Focus On