Luoghi

Museo del Bosco e del Cervo della Mesola

Mesola - Piazza Umberto I

Museo del Bosco e del Cervo della Mesola

Ingresso

Prezzo di ingresso: € 3.00
Ridotto 2 € (over 65, fino a 18 anni, gruppi). Gratuito Fino a 6 anni.

Orari:

Aperto tutto l'anno
Chiusure: Lunedì; Aperture: Da novembre a marzo: sabato e festivi 9.30-12.30/ 14.30-17.30. Da aprile a ottobre: da mart. a dom. 9.30-12.30/ 15-18;

Contatti

Telefono:
MOBILE:
www.prolocomesola.it

Nella suggestiva cornice del Castello Estense di Mesola, in provincia di Ferrara, è situato al secondo piano il Museo del Bosco e del Cervo della Mesola. L’ esposizione illustra, attraverso documenti cartografici, l’evoluzione del territorio mesolano, nonché le sue caratteristiche più salienti, tra cui il Gran Bosco della Mesola ed il suo Cervo delle Dune.

La prima sala accoglie il pubblico con il tema del rapporto Delizia Estense e territorio circostante, quale Sacca e porto di Goro, viale alberato, cinta muraria inerente al recinto della Delizia.

La seconda sala sviluppa il tema della flora e della fauna durante il ciclo delle quattro stagioni del Boscone della Mesola. Protagonista assoluto del Bosco è il leccio, un tipo di quercia caratteristica della macchia mediterranea, oltre a questo elegante sempreverde, sulle antiche dune è possibile trovare l’orniello, il ginepro e fillirea, ma anche farnia, frassino, pioppo bianco, olmo e carpino bianco, dove nei loro tronchi cavi nidificano picchi ed upupe, mentre negli argini sabbiosi scavano i loro nidi gli splendidi gruccioni ed il martin pescatore.

Il visitatore poi scoprirà una raccolta di copie di fogli dell’erbario di Filippo De Pisis, il pittore ferrarese che all’inizio del ‘900, raccolse, classificò e conservò piante del Bosco della Mesola.

Il percorso propone poi l’atmosfera che si può percepire nel Parco delle Duchesse, radura circolare di circa 2 ettari dove non nascono alberi ad alto fusto, è però presente un ampio prato di muschi e licheni; la leggenda vuole che questo prato fosse frequentato dagli Estensi nei loro momenti di svago presso la Tenuta, da cui il nome.
Una sezione è interamente dedicata al Cervo della Mesola, un’animale peculiare nel corredo genetico, nell’aspetto fisico e nel comportamento; il percorso espositivo ne riassume il cammino, documentando le tracce nella storia e nella cultura del ferrarese, nel culto cristiano, nell’arte e nella tradizione rinascimentale della Corte Estense di Ferrara. Questo Museo è un omaggio al territorio ed un invito a scoprire la ricchezza di storia, cultura, tradizioni, natura e sapori che vi si celano.
 

Fonte: redazione locale Ferrara

Tags

Focus On