Luoghi

MIC - Museo Internazionale delle Ceramiche

Faenza - Viale Baccarini, 19

MIC - Museo Internazionale delle Ceramiche

Ingresso

Prezzo di ingresso: € 8.00
Ridotto: 5 € Scuole: 3 €. Speciale famiglia: 12 € Gratuito: faentini, Amici della Ceramica e del MIC, ragazzi fino a 11 anni, studenti e docenti ISA e ISIA Faenza, ceramisti

Orari:

Aperto tutto l'anno
Chiusure: lunedì, 1 gennaio, 1 maggio, 15 agosto, 25 dicembre; Aperture: 1 ottobre-31 marzo: da martedì a venerdì 10-13.30; sabato, domenica e festivi 10-17.30 1 aprile – 30 settembre: da martedì a domenica e festivi 10–19.;

Contatti

Telefono: +39 0546 697311
FAX: +39 0546 27141
www.micfaenza.org

Il Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza, con le preziose testimonianze che custodisce di questa arte nel mondo, è stato riconosciuto come "Monumento testimone di una cultura di pace", secondo il programma lanciato dall'UNESCO nel 2000, anno per la Cultura di Pace. Il MIC è stato accolto con il titolo di "Espressione dell'arte ceramica nel Mondo" con la seguente motivazione: "Visti i profondi valori che il MIC testimonia non solo sul piano artistico ma come via privilegiata per favorire l'incontro e il dialogo fra le civiltà del mondo, abbiamo preso atto che il Museo costituisce un punto di riferimento per la ceramica antica, moderna e contemporanea, nazionale ed internazionale".

Il Museo è stato fondato nel 1908 da Gaetano Ballardini, stimato studioso di ceramica, in occasione delle celebrazioni per il terzo centenario della nascita di Evangelista Torricelli. Accanto al nucleo iniziale costituito dalla Sezione delle Nazioni,furono inaugurate successivamente la Mostra permanente della moderna ceramica italiana d'arte (1926), la Sezione dell'antica maiolica italiana e quella delle ceramiche popolari (1916) e la Sezione dell'Estremo Oriente (1919). Inoltre furono realizzate delle Sezioni didattiche sulle maioliche italiane, sulle ceramiche preistoriche e del mondo classico, sulle ceramiche dell'Oriente e infine sulla ceramica precolombiana. La ceramica italiana contemporanea, inoltre, viene incrementata tramite i concorsi del "Premio Faenza". Nel museo si trovano anche una Biblioteca specializzata e una Fototeca, un laboratorio didattico attivo dal 1979 e un laboratorio di restauro dagli anni '80.

Il percorso attuale di visita al museo consente di ammirare al piano terra le Ceramiche Precolombiane, la Sezione dell'Antichità classica (in particolare greca, etrusca e romana) e le ceramiche del Medio Oriente (soprattutto islamiche). Al primo piano sono esposte le Maioliche faentine dal Trecento al Seicento, la Sezione della Maiolica Italiana del Rinascimento e quella della ceramica dal Seicento all'Ottocento, suddivisa per regioni. Si passa poi alla sala dedicata ai "Premi Faenza" che raccoglie le opere dei vincitori del Concorso Internazionale della Ceramica d'Arte Contemporanea dal 1938 ad oggi. Si scende infine nella Sala Europa dove sono presenti una selezione di ceramiche rappresentative dei maggiori centri Europei dal XIV al XIX secolo e alcune opere di artisti universalmente riconosciuti come Picasso, Chagall, Matisse, Léger e Rouault. Altre sale sono dedicate al design nella ceramica o a mostre temporanee.
Notizie aggiuntive: La principale manifestazione legata al museo è il Concorso Internazionale della Ceramica d'Arte Contemporanea che prese avvio, con cadenza annuale nel 1938. Dal 1963 il concorso divenne internazionale e dal 1989 assunse cadenza biennale. Al vincitore la giuria specializzata assegna il "Premio Faenza". L'opera vincitrice viene esposta insieme a una selezione di altre opere presenti in concorso a mostrare le tendenze degli stili e dei materiali dell'arte ceramica contemporanea.

Fonte: redazione locale Faenza

Foto del MIC
Tags

Focus On