L'Emilia Romagna diventa un set cinematografico digitale con il contest #myER

L'Emilia Romagna diventa un set cinematografico digitale con il contest #myER

Il contest digitale #myER, nel mese di luglio, racconta per immagini fotografiche di luoghi, talenti e passioni che sono diventati protagonisti sul grande schermo. Tra grandi registi e attori celebri, che qui sono nati e cresciuti, paesaggi che hanno ispirato pellicole e sceneggiature, rassegne, festival e mostre tematiche l'intero territorio regionale è un grande set naturale che comunica emozioni e suggestioni uniche. In calendario due uscite fotografiche con gli Instagramers alla scoperta di luoghi che appartengono al grande cinema. L'autore dello scatto migliore si aggiudica un weekend a Brescello (RE), noto come "il paese di Don Camillo".


Ciak, si gira con #myER: in luglio il contest digitale di APT Servizi è dedicato al cineturismo con l'obiettivo di rendere omaggio a scene e protagonisti di grandi capolavori del cinema nato e ambientato in Emilia Romagna, terra dove sono stati girati ben 59 film. Un tour fotografico tra luoghi di film celebri girati lungo l’intero territorio regionale che ha ispirato grandi passioni e trasmesso intense emozioni attraverso il grande schermo. Le fotografie che dall'1 al 20 di luglio verranno caricate su Instagram corredate dall'hashtag #myER_cinema, con l'aggiunta della geolocalizzazione e di un breve commento personale, concorreranno per la preselezione che sarà come di consueto a cura dello staff di Turismo Emilia Romagna. Non c’è limite al numero di fotografie con cui partecipare al contest e si può concorrere anche con scatti scattati in precedenza. A partire dal 21 luglio le venti foto finaliste scelte saranno pubblicate online per la votazione pubblica e l'elezione della vincitrice del mese. In base ai likes totalizzati, il vincitore si aggiudicherà un weekend a Brescello (RE), che all'epoca delle riprese ha ospitato il set delle pellicole italiane di "Don Camillo e Peppone" e che attualmente è sede del museo tematico dedicato all'opera di Guareschi tra cimeli, fotografie e manifesti originali del film. Anche gli appuntamenti fotografici guidati riservati agli Instagramers questo mese proiettano i "social addicted" nei luoghi che celebrano il grande cinema all'aperto in abbinamento alla degustazione di vini locali: come ogni mese due le uscite, fissate in luglio a lunedì 14 e venerdì 18, in concomitanza ad altrettanti appuntamenti in programma nell’ambito della rassegna Cinema Divino, originale format che abbina film e cultura enologica territoriale. Si parte con l'uscita a Montecchio Isolani (BO) e si prosegue in direzione Villa Venti (Roncofreddo – FC). Per entrambe le uscite la partecipazione è gratuita prenotandosi on line, quattro i posti disponibili per ogni data.
#myER_cinema: in tour tra i set cinematografici dell'Emilia Romagna
Basterebbero i nomi di Federico Fellini e di Michelangelo Antonioni per citare i suggestivi percorsi visionari che s'incontrano lungo il set naturale dell'Emilia Romagna, in particolare tra Rimini e Ferrara. Se il Grand Hotel, il Cinema Fulgor la Rocca Malatestiana e la Biblioteca di Rimini hanno reso celebri nel mondo i sogni del Maestro, il Po e il paesaggio del fiume sono anch'essi protagonisti di celebri pellicole dirette e firmate da grandi registi ferraresi - oltre ad Antonioni, anche Florestano Vancini e Folco Quilici - e bolognesi, primo tra tutti Pupi Avati al quale la sua città dedica fino al 24 agosto una mostra monografica dal titolo "Parenti, Amici ed altri estranei". Il legame tra il territorio e il grande schermo passa anche attraverso altri grandi personaggi e numerosi capolavori in pellicola girati sul territorio regionale: basta pensare a Pier Paolo Pasolini, di cui la Cineteca del capoluogo regionale conserva l'Archivio originale, che nella sua città nativa ha realizzato alcune sequenze di film tra la metà degli anni ’60 e degli anni ’70. L'Emilia Romagna ha dato i natali anche ad attori celebri apprezzati dai cinefili come Ivano Marescotti (di Bagnacavallo, RA), Stefano Accorsi (anch’esso bolognese DOC) e il romagnolo Fabio de Luigi originario di Santarcangelo (RN).
Numerose e di qualità anche le rassegne e i festival che in estate, come durante il resto dell'anno, celebrano il grande cinema ospitati nelle grandi piazze e nelle arene delle Città d’Arte dell’Emilia Romagna (da Bologna, a Ravenna a Forlì). Tra le ulteriori espressioni di una cultura cinematografica radicata e forte in Emilia Romagna anche Cinè, la convention dell'industria tricolore di settore in programma a Riccione che ospita per quattro giorni protagonisti ed anteprime, e la rassegna Bagnacavallo al Cinema che quest'estate festeggia il suo trentennale.
Altre località per i cinefili in Emilia Romagna Brescello, Bobbio, Bellaria, Reggio Emilia, che ogni anno mettono in calendario festival e appuntamenti dedicati ai capolavori e ai rinomati protagonisti del grande schermo.


Per iscrizioni alle due uscite fotografiche #myER_cinema
14 Luglio http://instater-cinemadivino-montevecchio.eventbrite.it
18 Luglio http://instater-cinemadivino-villaventi.eventbrite.it
Per ulteriori informazioni sul contest
http://bit.ly/myer_cinema

Focus On